Accesso

Accesso invernale al rifugio

Arrivare al rifugio Franchetti in inverno, quando la neve è abbondante nel Vallone delle Cornacchie (generalmente quindi da novembre a maggio), è consigliabile solo ad alpinisti o scialpinisti che abbiano una buona esperienza di montagna invernale e un'attrezzatura completa per affrontare la salita. In inverno la seggiovia dei Prati di Tivo è chiusa e quindi i tempi dell'escursione arrivano a triplicarsi, aumentando dall'ora necessaria in estate a tre, anche quattro ore; e questo per alpinisti allenati in buona forma fisica.

Italiano

Dalla Madonnina per il Passo delle Scalette

Buon sentiero, comodo e frequentato, presenta un breve tratto esposto, sommariamente attrezzato. Dislivello: circa m 420. Difficoltà: E, salvo un tratto (ore 1,10). Dalla stazione superiore della seggiovia 2015 m si prende la mulattiera in direzione del Corno Piccolo. Raggiunta la base di un ghiaioncino si sale per la mulattiera che fa un'ampia curva; dalla seconda curva si stacca sulla destra, poco evidente, il sentiero attrezzato Pier Paolo Ventricini.

Italiano

Dalla Piana del Laghetto (o Cima Alta)

Dovendo raggiungere la stazione a monte della seggiovia della Madonnina a piedi dai Prati di Tivo è consigliabile partire dalla Piana del Laghetto (dette anche Cima Alta o Balcone). Dislivello fino alla Madonnina: circa m 360 (ore 0,45). Difficoltà E. Dal piazzale dei Prati di Tivo, 1450 m, si prende a sinistra (faccia a monte) una carrozzabile prima asfaltata, poi sterrata che sale ad un ampio valico fra la Cima Alta ed il piede del crestone dell'Arapietra, in località Piana del Laghetto 1650 m.

Italiano

Da Campo Imperatore

Panoramica traversata da Campo Imperatore per la Sella di Monte Aquila, la Sella del Brecciaio, il Passo del Cannone e la Sella dei Due Corni (itinerario sconsigliato se innevato). Sentiero e qualche saltino nell'ultima parte. Dislivello: circa m 570 in salita e m 270 in discesa.

Italiano
Abbonamento a RSS - Accesso